Comprare casa è complicato? Ecco le maggiori difficoltà che incontra chi vuole acquistare un immobile

Abitazioni non all’altezza delle proprie aspettative, difficoltà nel recupero della documentazione sull’immobile, eccessiva burocrazia, costi poco trasparenti e agenti immobiliari non affidabili fra le avversità di chi compra casa secondo una ricerca di Kaaja e Politecnico di Milano

16.06.2022 2 minuti di lettura

Comprare una casa spesso non all’altezza delle proprie aspettative, affrontando le difficoltà nel recupero della documentazione e delle informazioni sull’immobile e un’eccessiva burocrazia, valutando costi non sempre trasparenti e confrontandosi con agenti immobiliari a volte non affidabili. È quanto emerge da un’analisi di Kaaja, la proptech italiana che ha realizzato la prima piattaforma online che digitalizza l’intero processo di compravendita immobiliare attraverso tecnologie innovative, in collaborazione con Italian Proptech Network, hub di innovazione e conoscenza dedicato al mondo Real Estate nato all’interno del REC, il Real Estate Center del Politecnico di Milano. La ricerca, condotta su un campione rappresentativo della popolazione italiana, ha individuato quelle che sono le maggiori difficoltà riscontrate dagli italiani al momento dell’acquisto di una casa.

I principali aspetti emersi dalle risposte dei partecipanti alla survey sono:

FAR COMBACIARE LE ASPETTATIVE CON LA REALTÀ: prima difficoltà è sicuramente quella di trovare l’immobile con le caratteristiche desiderate: per il 54% degli intervistati è stato un iter lungo e complesso, spesso superato con qualche rinuncia rispetto ai desiderata. Dopo la pandemia, per esempio, sono diventati sempre più richiesti terrazzi e giardini, ma spesso l’offerta presente sul mercato non è in grado di soddisfare l’alta domanda.

BUROCRAZIA: il 70% ha avuto problemi nel recuperare tutte le informazioni e la documentazione sull’immobile, lamentando quindi eccessiva burocrazia. Il 54% ha trovato difficoltoso effettuare il rogito dal notaio e completare l’acquisto in tempi rapidi e senza sorprese. Sono infatti molti i documenti necessari per finalizzare l’acquisto di un immobile, informarsi bene è la base da cui partire se non si vuole incorrere in spiacevoli imprevisti.

MANCANZA DI INFORMAZIONI: Il 56% ha avuto problemi nell’ ottenere tutte le informazioni necessarie per il processo di acquisto, il 60% ha faticato addirittura ad avere tutte le informazioni necessarie sull’immobile, tanto che il 61% ha trovato complesso comprendere se la propria offerta fosse in linea con quella del mercato. Da questo punto di vista è fondamentale affidarsi a un consulente immobiliare valido, in grado di fornire tutte le informazioni necessarie per completare l’iter di acquisto.

TRASPARENZA SUI COSTI: anche i costi da sostenere sono a volte un’incognita. Il 62% degli acquirenti ha avuto difficoltà nel conoscere tutti i costi associati all’acquisto (notaio, provvigioni, tasse,…) e il 63% nel conoscere quelli ricorrenti (spese condominiali, IMU, TASI, ….). Circa la metà (53%) ha riscontrato problemi nell’accedere a proposte di mutuo con uno o più istituti di credito.

IL RUOLO DELL’AGENTE IMMOBILIARE: Il 61% considera complicato capire l’affidabilità e le competenze dell’agente immobiliare a cui si è affidato, il 56% ha lamentato anche difficoltà nel riuscire ad avere un appuntamento e il 68% non è riuscita a visitare l’immobile nell’orario e nelle modalità desiderate.

“Lo scopo della ricerca - commenta Dario Cardile CEO e Founder di Kaaja - è quello di individuare le pecche che vi sono nel processo di acquisto di un immobile, al fine di migliorarle o eliminarle del tutto. La digitalizzazione della filiera immobiliare porterà numerosi benefici in questo senso. Pensiamo per esempio all’uso della tecnologia della blockchain nel real estate, che consente tra l’altro di pubblicare online tutti documenti di una proprietà, nel momento in cui viene messa in vendita, in modo da essere visibili subito dal potenziale acquirente, nella semplicità più totale, senza quindi creare problemi di burocrazia e trasparenza. Un trend che si sta affermando, anche se in Italia il fenomeno è recente. Con l’introduzione di questa tecnologia, gli utenti che acquistano case online possono verificare l’autenticità e la tracciabilità delle informazioni online, consultare le offerte nonché comprare immobili in tutta sicurezza”.

Kaaja

Kaaja è la proptech italiana che ha realizzato la prima piattaforma che digitalizza le compravendite immobiliari. Veloce, sicuro e trasparente, la Società offre un processo del tutto innovativo grazie alle migliori tecnologie digitali e agenti altamente qualificati. Lanciata da Dario Cardile e Paolo Castelletti nel febbraio 2021 - reduci da un’esperienza sul mercato USA - si pone come obiettivo di semplificare le compravendite immobiliari anche in Italia, attraverso l’uso delle migliori tecnologie, come la blockchain.

Ufficio stampa

Sec Newgate

Francesca Brambilla
Francesca.brambilla@secnewgate.it
338 627 2146

Fabio Santilio
Fabio.santilio@secnewgate.it
339 844 6521